SIEAS Via G.Leopardi 33-20045 Barbaiana di Lainate (Milano) - "Tel/Fax 02 93255215" - P.I.07988060153
Torna SIEAS HOME Dove Siamo Contatti
Orario ufficio < 09.00-12.00 >- <14.00 -17.00 > Articoli in offerta
Torna all'Indice dei prodotti

APPARECCHI DI COMANDO E CONTROLLO ATEX

Le apparecchiature ATEX Ex-d e Ex-e sono due tipi di dispositivi certificati per l'utilizzo in atmosfere esplosive, conformi alla Direttiva ATEX 1999/92/CE.
La scelta tra l'una e l'altra dipende da diverse caratteristiche e dal livello di rischio dell'ambiente in cui saranno installate.
Protezione Ex-d (antideflagrante):
Funzionamento: Le apparecchiature Ex-d racchiudono i componenti elettrici in una custodia robusta e ermetica, progettata per contenere al suo interno un'eventuale esplosione, impedendone la propagazione all'esterno.
Caratteristiche:
Elevata resistenza meccanica
Adatte a zone con elevato rischio di esplosione (zone 0, 1 e 2)
Resistenti a gas e polveri combustibili
Possono generare calore e scintille
Esempi: Motori elettrici, quadri elettrici, interruttori, cassette di derivazione.
Protezione Ex-e (a sicurezza aumentata):
Funzionamento: Le apparecchiature Ex-e sono progettate per evitare la generazione di scintille, archi elettrici o temperature elevate che potrebbero innescare un'esplosione.
Caratteristiche:
Design robusto e componenti certificati
Generano calore e scintille limitate
Adatte a zone con rischio di esplosione moderato (zone 1 e 2)
Possono essere più compatte e leggere rispetto alle Ex-d
Esempi: Ventilatori, apparecchiature di controllo, strumenti di misura, pulsantiere.
Scegliere tra Ex-d e Ex-e:
La scelta tra apparecchiature Ex-d o Ex-e dipende da una valutazione del rischio di esplosione nell'ambiente di utilizzo. Fattori da considerare:
Tipo di atmosfera esplosiva: Gas o polveri combustibili?
Frequenza e intensità delle esplosioni: Probabilità e gravità degli eventi?
Concentrazione di gas o polveri: Livelli di sostanze infiammabili presenti?
Condizioni ambientali: Temperatura, umidità, presenza di agenti corrosivi?
Norme e regolamentazioni: Requisiti specifici per il settore industriale?
Oltre alla protezione Ex-d e Ex-e, esistono altri modi di protezione per apparecchiature ATEX, tra cui:
Ex-i (a sicurezza intrinseca): Circuiti elettrici alimentati a bassa tensione, incapaci di generare energia sufficiente per innescare un'esplosione.
Ex-m (protezione mediante involucro): Involucro ermetico che impedisce la penetrazione di gas o polveri combustibili.
Ex-n (protezione mediante sovrappressione): Mantenimento di una pressione interna superiore a quella dell'atmosfera circostante, impedendo l'ingresso di gas o polveri combustibili.



 
atex eex azardous area safety apparecchiature ATEX
apparecchiature interruttori, pulsantiere, prese, ex-d ex-ia atex
SICUREZZA DEI LAVORATORI
Le apparecchiature ATEX devono rispettare specifiche normative e direttive che ne regolamentano la progettazione, produzione e commercializzazione. La principale direttiva applicabile è la Direttiva 2014/34/UE, che stabilisce i requisiti essenziali di sicurezza e la procedura di certificazione. Inoltre, la normativa UNI EN 60079-0 fornisce le prescrizioni per lo sviluppo degli standard di sicurezza delle apparecchiature, mentre la normativa UNI EN 60079-14 si concentra sulla progettazione, selezione e installazione delle apparecchiature ATEX. È importante tenere conto anche delle norme nazionali, come ad esempio il Decreto Ministeriale 17 giugno 2016 che recepisce la Direttiva 2014/34/UE nella legislazione italiana. Queste normative e direttive assicurano che le apparecchiature ATEX siano realizzate in conformità alle migliori pratiche in materia di sicurezza e prevenzione degli incidenti.
Certificazione e marcatura delle apparecchiature ATEX
La certificazione e marcatura delle apparecchiature ATEX è un processo essenziale per garantire la sicurezza e l'affidabilità di tali apparecchiature. La certificazione è il processo mediante il quale un ente terzo, noto come organismo di certificazione, verifica che l'apparecchiatura sia conforme agli standard di sicurezza stabiliti dalla normativa ATEX. Una volta superato il processo di certificazione, l'apparecchiatura riceve il marchio ATEX che ne attesta la conformità. La marcatura ATEX è un requisito obbligatorio per tutte le apparecchiature destinate a essere utilizzate in atmosfere potenzialmente esplosive. Attraverso la marcatura, è possibile identificare facilmente le apparecchiature che sono state sottoposte a certificazione e che rispettano gli standard di sicurezza ATEX. È importante notare che la marcatura ATEX non è permanente e può essere rimossa solo se l'apparecchiatura perde la sua conformità o è soggetta a modifiche non autorizzate. In conclusione, la certificazione e marcatura delle apparecchiature ATEX sono fondamentali per garantire la sicurezza nell'utilizzo di tali apparecchiature in ambienti potenzialmente esplosivi.